Il pregiugizio di vicinanza

C’è una tendenza inconscia a dare per scontato cosa ti stanno dicendo quelli che ti sono vicini, perché pensi di sapere già cosa diranno. Spesso siamo convinti di ascoltare l’altro ma non sempre è così, la ricerca scientifica ha evidenziato che le persone che ascoltiamo meno sono le stesse con le quali abbiamo una relazione significativa. Scopriamo insieme di cosa si tratta.

Non ascolti ciò che il tuo partner o il tuo familiare ha da dire? Perché? Secondo Kate Murphy, “c’è una tendenza inconscia a dare per scontato cosa ti stanno dicendo quelli che ti sono vicini perché pensi di sapere già cosa diranno“.

A volte anche io con i miei cari sono colpevole di questo; a volte non ascolto perché penso di sapere già cosa diranno. Sembra un incredibile paradosso ma più ci sentiamo vicini a qualcuno, meno è probabile che li ascoltiamo attentamente nel tempo. Si chiama pregiudizio della comunicazione di vicinanza e provoca un’incredibile tensione sulle relazioni, causandone spesso l’implosione.

“Non stai ascoltando!” “Lasciami finire!” “Non è quello che ho detto!” Dopo “Ti amo”, questi sono tra i ritornelli più comuni nelle relazioni strette. Durante i miei venti anni di pratica professionale ho imparato qualcosa di incredibilmente ironico sulla comunicazione interpersonale: più ci sentiamo vicini a qualcuno, meno è probabile che lo ascoltiamo attentamente. Si chiama pregiudizio di vicinanza e comunicazione e, nel tempo, può sforzare e persino porre fine alle relazioni.

Una volta che conosci le persone abbastanza bene da sentirle vicine, c’è una tendenza inconscia a non ascoltarle perché pensi di sapere già cosa diranno. È un po’come quando hai viaggiato un certo percorso più volte e non noti più cartelli e paesaggi.

Ma le persone cambiano sempre. La somma delle interazioni e delle attività quotidiane ci modella continuamente, quindi nessuno di noi è uguale al mese scorso, la settimana scorsa o addirittura ieri.

Il pregiudizio di vicinanza nella comunicazione s’interrompe quando i partner sentono di non conoscersi più o quando i genitori scoprono che i loro figli sono all’altezza di cose che non avrebbero mai immaginato. Può accadere anche quando due persone trascorrono tutto il loro tempo insieme e fanno le stesse esperienze.

Ad esempio una mia cliente Caterina*, mi ha detto che è stato uno shock quando la sua gemella, Carla, ha deciso di trasferirsi a Firenze 10 anni fa per intraprendere una carriera nella musica. Caterina, ha affermato che lei e la sua gemella erano state precedentemente inseparabili. 

Avevano trascorso la maggior parte della vita dormendo nella stessa camera, frequentando le stesse scuole, le stesse feste, gareggiando negli stessi sport e suonando nella stessa band.

“Quando mia sorella si è trasferita, siamo stati costretti a riconoscere che avevamo tutte queste nozioni preconcette su chi fosse l’altro”, ha detto Caterina. “Non ci stavamo davvero ascoltando a vicenda, il che ha reso più difficile conoscerci davvero.”

I ricercatori di scienze sociali hanno ripetutamente dimostrato la propensione alla vicinanza e alla comunicazione in contesti sperimentali in cui hanno associato amici o coniugi e poi estranei. In ogni contesto, i ricercatori hanno chiesto ai soggetti di interpretare ciò che i loro partner stavano dicendo. 

Mentre i soggetti predissero che avrebbero compreso con maggiore precisione e sarebbero stati compresi da coloro con i quali intrattenevano stretti rapporti, spesso non li capivano degli estranei e spesso peggio.

“Capire accuratamente un’altra persona spesso implica chiedersi : Aspetta un minuto, è davvero questo sta dicendo questa persona? e verificarlo ”, ha affermato Nicholas Epley, professore di scienze comportamentali presso la Booth School of Business dell’Università di Chicago, che studia il pregiudizio di vicinanza e comunicazione. “Semplicemente non lo facciamo tanto con quelli a cui siamo vicini, perché presumiamo di sapere cosa stanno dicendo e che sanno cosa stiamo dicendo.”

Il pregiudizio di vicinanza nella comunicazione non solo ci impedisce di ascoltare le persone che amiamo, ma può anche impedirci di permettere ai nostri cari di ascoltarci. Potrebbe spiegare perché le persone in relazioni strette a volte nascondono informazioni o nascondono segreti gli uni agli altri.

Il timore del giudizio

In uno studio poi confermato in un più ampio sondaggio online di 2.000 persone, il sociologo di Harvard Mario Luis Small ha scoperto che poco più della metà delle volte, le persone hanno confidato le loro preoccupazioni più pressanti e preoccupanti alle persone con cui avevano legami più deboli, anche con persone che incontravano per caso, piuttosto che con quelle che in precedenza avevano detto di essere più vicine a loro – come un coniuge, un familiare o un caro amico. In alcuni casi, i soggetti hanno evitato attivamente di dire alle persone nel loro cerchio più intimo perché temevano il giudizio, l’insensibilità o il dramma.

Probabilmente hai sperimentato questo fenomeno quando qualcuno vicino a te ha rivelato qualcosa che non sapevi mentre parlavi con qualcun altro. Avresti anche potuto dire: “Non lo sapevo!”. Molto probabilmente la rivelazione è avvenuta perché la persona in più stava ascoltando in modo diverso rispetto a prima. Forse quella persona ha mostrato più interesse, ha posto le domande giuste, era meno giudicante o era meno incline a interrompere. Ancora una volta, non è che le persone in strette relazioni siano intenzionalmente negligenti o distratte, è semplicemente la natura umana a diventare compiaciuta di ciò che sappiamo.

Cosa puoi fare al riguardo? 

L’antropologo e psicologo evoluzionista britannico Robin Dunbar ha affermato che il modo principale per intrattenere relazioni strette è attraverso il “dialogo quotidiano”. Ciò significa chiedere: “Come stai?” ascoltando però la risposta.

Troppo spesso i partner, e anche i genitori con i loro figli, riducono le conversazioni alla logistica come cosa cenare, a chi tocca fare il bucato ecc..  Ciò che viene spesso lasciato fuori è ciò che è veramente nella mente delle persone: le loro gioie, lotte, speranze e paure. A volte le persone scelgono di avere una conversazione superfiicale con amici e familiari perché presumono di sapere già cosa sta succedendo, oppure paura di ciò che potrebbero scoprire.

Ma cos’è l’amore se non la volontà di ascoltare e far parte della storia in evoluzione di un’altra persona? La mancanza di ascolto contribuisce in primo luogo ai sentimenti di solitudine.

In un sondaggio del 2018 di 20.000 americani, quasi la metà ha affermato di non avere significative interazioni sociali di persona, come avere una conversazione prolungata con un amico. Circa la stessa proporzione affermava di sentirsi spesso isolati e esclusi anche quando c’erano altri.

La tecnologia è un’arma a doppio taglio. I dispositivi eletttronici sono una costante distrazione e le persone tendono a essere terribilmente imprecise nell’interpretare gli stati di d’animo attraverso il testo e le emoji. 

La tecnologia alimenta il pregiudizio di vicinanza e comunicazione perché hai meno informazioni con cui lavorare, dicono gli esperti, riferendosi alla brevità dei testi e all’assenza di segnali come il tono della voce e il linguaggio del corpo.

Si scopre che il modo migliore per capire veramente chi ci è più vicino è passare del tempo con loro, mettere giù i nostri telefoni e ascoltare veramente quello che hanno da dire.

Purtroppo una volta che conosci le persone abbastanza bene da sentirle vicino, pensi di sapere cosa diranno. Questo ti porta a non ascoltarli quando stanno parlando. È come guidare sempre lo stesso percorso; lo sai così bene che non noti più cartelli o scenari.

Quotidianamente riscontro la tendenza alla comunicazione di vicinanza operante con molte delle persone, coppie e famiglie con cui lavoro in terapia. Ad esempio, era quasi impossibile per una mamma realizzare che il suo dolce figlio non frequentava la scuola e faceva cose che non avrebbe mai immaginato. Per lei, era il suo ragazzo speciale e ciò che si presentava alla sua vista era impossibile da capire.  Allo stesso modo, ho avuto l’opportunità di lavorare con famiglie che non vedevano cambiare marito, moglie, madre, padre, sorella o fratello davanti ai loro occhi.

Ascoltare e comprendere accuratamente ciò che qualcuno sta dicendo richiede una pausa. Significa impiegare un secondo per verificare e chiedere “è questo ciò che la persona ha veramente detto?” Quando non ascoltiamo spesso ci sbagliamo.

Un esercizio di ascolto

C’è un esercizio di ascolto che spesso propongo alle coppie in terapia. inizialmente discutiamo del modo in cui l’ascolto coinvolge i nostri cuori, le nostre orecchie, i nostri occhi, la nostra razza, il nostro linguaggio del corpo, ecc.

Uno dei due partner ascolta con i suoi occhi mentre l’altra persona condivideva con i suoi occhi solo come si sente oggi. Successivamente, è stato chiesto loro “come stai” e l’altra persona ha semplicemente ascoltato per due minuti e poi “restituisce” ciò che aveva sentito. Infine, le coppie cambiano ruolo e ripetono questo processo.

Se non ci ascoltiamo l’un l’altro quando siamo in relazioni intime, forse questo spiega come le relazioni si sfaldano e perché ci nascondiamo i segreti. Il sociologo di Harvard Mario L. Small ha scoperto che più persone hanno confidato i loro problemi più urgenti e le preoccupazioni preoccupanti per le persone con legami più deboli con quelli a cui sono vicini. Per molti aspetti, ciò potrebbe spiegare perché i clienti condividano così spesso i loro problemi con i medici, o come ha dimostrato la ricerca, persino il loro parrucchiere o barbiere.

A volte le persone evitano di dire a chi gli è vicino perché temono il giudizio, il dramma, le critiche. Quando qualcuno al di fuori della nostra cerchia ascolta, non è necessariamente migliore. Piuttosto, egli può porre domande migliori, essere più attento, o hanno meno probabilità di interrompere e andare avanti. Forse il nostro partner (madre, figlia, amica, ecc.) È tiene d’occhio un dispositivo digitale mentre parliamo e, mentre possono essere fisicamente presenti, sono emotivamente involontariamente non disponibili.

La qualità della presenza

Cosa si può fare riguardo a questa vicinanza, per evitare la distorsione della comunicazione? La soluzione è così semplice eppure così difficile: basta ascoltare – essere presente! 

Provalo oggi con qualcuno vicino a te: metti una mano sul braccio, guardalo negli occhi e connettiti con loro per un secondo. Digli qualcosa che riguarda cosa senti e risveglia il suo coinvolgimento. Aiutalo a ricordare che anche loro sono un essere umano pieno e completo, un essere umano che desidera anche un contatto umano.

Metaforicamente, fermiamoci, mettiamoci in pausa, riflettiamo e diamo un’occhiata al modo in cui ascoltiamo. La persona dall’altra parte sarà compassionevolmente sorpresa.

*I nomi utilizzati in questo articolo non corrispondono a quelli reali.