C’è una lotta che tutte le coppie combattono prima di andare a vivere insieme, la lotta per il controllo.

Michele alzò gli occhi spalancati verso Julie. “Questo NON è il budget per concordato la scorsa settimana per comprare la macchina nuova!”

Giulia, sbalordita, sbatté le palpebre verso la fidanzata dalla faccia rossa. “Ne abbiamo già discusso almeno tre volte. Torni sempre in parola su queste cose.”

Laura: “Quale colore ti piace di più per le tende, rosa o verde acqua?”
Roberto: “Va bene qualunque colore. “
Laura: “Perché non puoi comportarti come se ti importasse di questo per cinque secondi ??”
Roberto: [Sguardo vuoto]
Laura: “Scegli i tuoi colori. Io ne ho abbastaza.”

Paola: “Ti rendi conto che se andiamo a vivere insieme, non puoi andare dai tuoi genitori ogni sera per cena?.”
Federico: “Uhm, cara, sapevi che stavi per sposare tutta la mia famiglia quando hai detto di sì.”

In ciascuno degli scenari di cui sopra, quale partner pensi abbia vinto?

C’è una lotta che tutte le coppie combattono prima di andare a vivere insieme.

È la lotta per il controllo

Sebbene questa lotta di solito sia attenuata, può essere emotivamente reattiva e mascherata dalla negazione di entrambi i partner. Le coppie fidanzate sono particolarmente esposte al rischio di una cattiva gestione di questo modello perché spesso problemi più grandi sono mascherati da stress nella pianificazione della convivenza, oppure il conflitto è evitato del tutto a causa del mito che le coppie non dovrebbero discutere prima di andare a vivere insieme.

Comportarsi in modo controllato – apertamente o di nascosto – dà a una persona una parvenza di certezza e conforto, di solito come un modo per gestire le proprie insicurezze sulla relazione o sul proprio valore personale. In realtà, nel momento in cui dovremmo collaborare con il nostro partner e condividere di più le nostre vulnerabilità con lui, ci trinceriamo dietro un “muro” per proteggerci emotivamente.

Il matrimonio consiste nel riunire due mondi completamente diversi per creare un’esperienza condivisa di vita e amore. Ha senso, quindi, che questa transizione consista spesso di attriti, disaccordi e una normale resistenza al cambiamento, come una mentalità in cui si tende a fare le cose a modo mio.

Sotto tutte le lotte per il controllo ci sono domande più profonde di:

“Posso davvero fidarmi che siamo una squadra? Che mi difendi dal resto del mondo sopra ogni altra cosa?  Mi amerai ancora, anche se non sono completamente d’accordo? ”
La ricerca del Dr. John Gottman ha rivelato che le coppie aspettano in media sei anni prima di cercare aiuto. Quindi, cosa puoi fare per affrontarela lotta per il controllo prima che inizi?

Non aspettare che le cose peggiorino per affrontarle. Scopri come gestire questi schemi in modo sano per la tua relazione in questo momento.

Ecco alcuni modi per evitare di essere risucchiati nella lotta per il controllo:

1. Non nascondere la “polvere” sotto il tappeto
Evitare prolungherà solo i conflitti e renderà più doloroso affrontarli la prossima volta. Quando stai vivendo frustrazione, resistenza o insicurezza con il tuo partner per qualcosa, tiralo fuori usando un avvio della conversazione morbido e gentile. 

In uno studio longitudinale di sei anni condotto da John Gottman e Sybil Carrère, hanno scoperto che potevano prevedere la probabilità del divorzio di una coppia osservando solo i primi tre minuti di una discussione sul conflitto.

Le coppie che hanno divorziato hanno iniziato le loro discussioni con molte emozioni negativ e hanno mostrato un minor numero di interazioni positivepositività rispetto a quelle che sono rimaste insieme sei anni dopo. Non solo quelle coppie che avevano divorziato erano negative l’una verso l’altra, ma erano anche critiche l’una con l’altra.

Come funziona?

Pensala in questo modo: se qualcuno viene da te con un reclamo legittimo ma non ti biasima o assume un atteggiamento critico, probabilmente non ti sentirai attaccato e non sentirai il bisogno di andare sulla difensiva. Poiché non c’è palese negatività nel suo tono e nelle sue parole, è più probabile che tu sia ricettivo alle sue preoccupazioni ed esigenze.

Ad esempio, forse, sei rimasto indietro al lavoro e il tuo capo viene da te e ti dice: “Ehi, avevo bisogno di farlo prima. Abbiamo concordato una scadenza per ieri. Per favore, portamelo il prima possibile. “

È un avvio della convesazione graduale e gentile. Confrontalo con questo avvio brusco della conversazione: “Dove sono i rapporti che hai detto che avresti archiviato? Potresti, per una volta, fare qualcosa in tempo? ”.

Una trappola con cui le coppie spesso lottano è il paradosso “stavo aspettando che tu la tirassi fuori per primo”. Sii assertivo, coraggioso e rispettoso dell’alterità del tuo partner quando si tratta di conflitti e differenze.

Il controllo riguarda la vittoria. Gli studi scientifici sulla relazione di coppia hanno concluso il 69% delle cose per cui le coppie combattono sono completamente irrisolvibili, l’obiettivo dovrebbe essere meno quello di avere ragione e più di comprendere, convalidare il punto di vista reciproco e mantenere il rispetto.

2. Conosci te stesso
Diventa consapevole di come tendi a lottare per mantenere il controllo, attacchi l’altro, biasimi il tuo partner o ti vergogni. Interpreti il ​​ruolo della vittima o manipoli cercando di far leva sui sensi di colpa? Nascondi le tue emozioni al tuo partner ma ti senti solo, disconnesso o ansioso per alcuni aspetti della relazione di coppia?

L’autocoscienza richiede consapevolezza, vulnerabilità e disponibilità ad accettare la responsabilità della propria parte nel conflitto. Non è compito del tuo partner scoprire le tue tattiche. La responsabilità ti consentirà di essere più assertivo e onesto in quei momenti in cui desideri chiudere o attaccare di più l’altro.

3. Controlla la tua connessione emotiva
Come fai per restare emotivamente sintonizzato in contatto con il tuo partner?  La ricerca del Dr. John Gottman ha dimostrato l’importanza di mantenere una connessione intenzionale creando un significato condiviso e rispondendo alle offerte del partner per la connessione . Dai la priorità alle serate degli appuntamenti e all’orario di qualità insieme a nessun discorso di matrimonio consentito.

Il controllo è solo un’illusione. Non sarai mai in grado di controllare, cambiare o sapere con assoluta certezza che il tuo partner sarà lì per te in ogni momento. Non vi è alcuna garanzia che la vostra unione durerà per sempre. Questo è il rischio di essere in una relazione di coppia.

Ciò che puoi garantire è la tua volontà di autorivelarti, di resistere alla necessità di avere ragione o di controllare il tuo partner e di orientarti verso le opportunità per affrontare le tue differenze, al fine di costruire una solida base per una vitalità e un successo nella relazione di coppia che si riveli duratura.