La storia ha dimostrato che epidemie e pandemie tendono a provocare la xenofobia e lo stigma. Questo è accaduto con malattie come l’Ebola e la SARS e ora è il caso del COVID-19. 

Un numero crescente di notizie documenta casi di stereotipi, molestie e bullismo rivolti a persone percepite come di origine asiatica in seguito alla diffusione del nuovo coronavirus.

Mentre l’origine del virus sembra legata a una specifica regione della Cina, nessun gruppo razziale o etnico è a maggior rischio di infezione o diffusione.

Associare il coronavirus alla Cina o regioni specifiche all’interno della Cina, ad esempio attraverso riferimenti al “virus cinese” o al “virus Wuhan”, aiuta a generare pregiudizi e xenofobia. 

Ecco perché l’Organizzazione mondiale della sanità raccomanda vivamente di non collegare le malattie trasmissibili a specifiche regioni geografiche e raccomanda a tutti i governi di astenersi dal fare riferimento a questa associazione.

Perché affrontare lo stigma è così importante?

Decenni di ricerca scientifica mostrano che la discriminazione è associata a una salute e una salute mentale peggiori tra le popolazioni. I gruppi stigmatizzati sono particolarmente vulnerabili durante epidemie e pandemie e possono mettere a rischio loro e altri. 

Questo perché lo stigma può indurre le persone a nascondere i sintomi della malattia per evitare discriminazioni. Potrebbero non cercare assistenza sanitaria quando ne hanno bisogno e possono isolarsi ulteriormente, il che comporta i suoi rischi per la salute.

Inoltre, i gruppi stigmatizzati hanno maggiori probabilità di essere non ricevere la copertura assicurativa , avere difficoltà ad accedere a cure appropriate e affrontare i pregiudizi nei servizi sanitari, che alla fine aggravano la difficoltà di contenere la diffusione di virus.

Cosa puoi fare

L’Organizzazione Mondiale della Sanità raccomanda ai governi, ai cittadini, ai media, ai principali influencer e alle comunità di prendere provvedimenti per contrastare il contagio di pregiudizi e stigmatizzazione, anche se lavoriamo collettivamente per contenere la diffusione del virus. Queste raccomandazionu includono:

Diffondi informazioni verificate

Le persone sono più sensibili ai pregiudizi e agli stereotipi quando mancano di informazioni accurate. È necessaria una comunicazione chiara, concisa e culturalmente appropriata – in più forme e in più lingue – per raggiungere ampi segmenti della popolazione, con particolare attenzione alle comunità emarginate.

Coinvolgi gli influencer

I leader religiosi, i dirigenti aziendali, i politici e le celebrità possono essere molto efficaci nel modellare la comunicazione appropriata e denunciare gli la tendenza a associare il coronavirus con aree geografiche e popolazioni specifiche.

 Può essere particolarmente efficace per gli influencer essere visibili con interazioni positive con membri di gruppi stigmatizzati.

Diffondi l’esperienza di chi ha il coronavirus

La maggior parte delle persone che contraggono il virus guariscono e può essere rassicurante per il pubblico ascoltare le loro esperienze, in particolare quando queste persone riflettono la diversità delle nostre comunità. 

Allo stesso modo, onorare i sanitari in prima linea può ridurre lo stigma nei confronti di questi gruppi.

Dare visibilità alla collaborazione interetnica

Immagini di diverse comunità che lavorano insieme per ridurre il rischio possono comunicare in modo efficace messaggi di solidarietà e impegni condivisi per la salute e il benessere. 

Tuttavia, un’attenzione eccessiva agli americani asiatici nel caso di COVID-19 potrebbe essere dannosa, quindi è importante cercare di evitarlo.

Promuovere il giornalismo etico

I resoconti dei media che si concentrano sul comportamento individuale e sulla “responsabilità” degli individui infetti per avere e diffondere il virus possono stigmatizzare questi individui. 

I consumatori di notizie dovrebbero insistere su resoconti dei media responsabili che enfatizzano le pratiche di prevenzione, i sintomi da cercare e quando cercare assistenza.

Sfida gli stereotipi che promuovono il pregiudizio

Tutti abbiamo la responsabilità di correggere il linguaggio stigmatizzante e di sfidare i miti. Nessun politico dovrebbe usare un linguaggio che colleghi un’epidemia a un particolare popolo o regione geografica e sfidare tale linguaggio è una responsabilità civica. 

Allo stesso modo, separare i fatti dalle credenze è importante in un’era in cui le persone diffidano delle fonti di informazione. 

Distorsioni, stigmatizzazione e discriminazione sono minacce per la salute pubblica. Danneggiano la salute, la salute mentale e il benessere dei gruppi stigmatizzati. 

Inoltre rendono più difficile contenere le epidemie attuali e future. Condividiamo tutti la responsabilità per le buone pratiche di salute pubblica.

 Proprio come sappiamo lavarci le mani e mantenere un’adeguata distanza sociale, dovremmo praticare buoni comportamenti quando si tratta di valorizzare popoli e comunità diverse.

Fonte: https://www.apa.org