Le coppie che incontro nella mia attività di psicoterapeuta mi dicono spesso che litigano per i soldi, i figli o la sessualità.

Affermano che non c’è una comunicazione efficace e la soluzione è che il loro partner deve cambiare.

“Se Flavia non fosse così irascibile e ascoltasse le mie argomentazioni sulle nostre finanze e sui bambini, arriveremmo da qualche parte”, mi dice Federico.

“Beh, se Federico parlasse di più e non se ne andasse, non litigheremo. ” dice Flavia.

Dopo più di dieci anni trascorsi a fare terapia di coppia so che sia Flavia sia Federico stanno vedendo solo la punta dell’iceberg, al di sotto della superficie dell’acqua c’ è la difficoltà reale: entrambi i partner sono emotivamente disconnessi.

Al di là di tutti gli argomenti rumorosi e i lunghi silenzi, i partner si stanno chiedendo a vicenda le domande chiave nel dramma dell’amore:

“Ci sei per me?”
“Io e i miei sentimenti contiamo per te?”
“Mi risponderai quando avrò bisogno di te?”

Le risposte a queste domande, che sono domande così difficili da chiedere e così difficili da sentire nell’intensità del conflitto, fanno la differenza tra la percezione della sicurezza emotiva o al contrario del rischio emotivo, della paura di una rottura della relazione.

Sappiamo da tutte le centinaia di studi scientifici sulla terapia di coppia emersi negli ultimi dieci anni che la responsività emotiva è ciò che costruisce o spezza le relazioni d’amore.

Le coppie stabili e felici possono discutere, ma sanno anche come sintonizzarsi a vicenda e ripristinare la connessione emotiva dopo uno scontro. Le ricerche scientifiche ci confermano scopriamo che sette coppie su dieci che ricevono Terapia focalizzata sulle Emozioni – EFT possono riparare efficacemente la loro relazione.

Lo fanno trovando una via d’uscita dalla disconnessione emotiva e instaurando un contatto amorevole che crea fiducia. Ma perché non possiamo farlo tutti, anche senza un terapeuta?

La nuova scienza dell’amore ce lo spiega.

Il nostro partner è il nostro rifugio nella vita. Quando questa persona non è disponibile e non risponde, siamo assaliti da uno tsunami di emozioni :tristezza, rabbia, dolore e, soprattutto, paura.

Questa paura riguarda l’importanza di fare affidamento su una persona cara, sapere che lui o lei risponderà alla nostra chiamata è il nostro innato codice di sopravvivenza.

I risultati di numerosi studi sull’attività cerebrale effettuati utilizzando la risonanza magnetica confermano che quando sentiamo che una relazione d’amore primaria è minacciata, entriamo in un panico primordiale.

Ci sono solo tre modi per affrontare il nostro senso di perdita e isolamento imminente.

Se siamo in una relazione fondamentalmente sicura, accettiamo la necessità di una connessione emotiva e parliamo direttamente di tali bisogni in un modo che aiuti i loro partner a rispondere con amore.

Se tuttavia siamo in una relazione instabile e non siamo sicuri su come esprimere il nostro bisogno, attacchiamo con rabbia e cerchiamo di spingere il nostro partner a rispondere, ci chiudiamo e ci allontaniamo per proteggerci.

Non importa le parole esatte che usiamo, quello che stiamo realmente dicendo è “ho bisogno che tu ti accorga di me. Sii con me. Ho bisogno di te.” oppure “Non lascerò che ti ferisca. Mi chiuderò per difendere un equilibrio.”

Se queste strategie diventano automatiche e centrali in una relazione, allora siamo soggetti a rimanere bloccati in dinamiche relazionali disfunzionali che possono prendere il sopravvento sulla tua relazione. Creano sempre più risentimento, chiusura difensiva e distanza finché non raggiungiamo un punto in cui sentiamo che l’unica soluzione è rinunciare.

Ci sono 3 principali dinamiche che catturano le coppie nella fame emotiva e nell’insicurezza senza soluzione di problemi:

“Trova il cattivo”

Cosa c’è che non va tra di noi? Tre dialoghi “demone” per il rapporto di coppia

Questo modello di vicolo cieco di colpa reciproca crea e e mantiene una distanza tra i partner. I combattimenti sembrano una sfida a: “chi riesce a definire chi”.

Come dice Paola, “Sto aspettando la sua mossa. Ho la mia pistola pronta. Magari premo il grilletto quando non è nemmeno rivolta a me.”

Entrambi i partner definiscono l’altro come in qualche modo difettoso. Tutti perdono, tuttavia questo schema di attacco-attacco è difficile da mantenere.

Di solito è la misura iniziale per la danza più comune e insinuante di tutti: la polka di protesta.

“La polka di protesta”

Cosa c’è che non va tra di noi? Tre dialoghi “demone” per il rapporto di coppiaGli psicologi sapevano da anni che questa richiesta di ritiro nel rapporto di coppia porta al divorzio, ma non erano in grado di capire perché è così diffusa e così mortale.

Ora comprendiamo che potenti emozioni e bisogni irrinunciabili mantengono questo schema in corso: il bisogno di connessione emotiva e la paura del rifiuto e dell’abbandono.

Anche se i nostri cervelli sanno che in qualche modo stiamo peggiorando le cose criticando o difendendoci dal nostro partner, non possiamo semplicemente eliminare questo desiderio e questa paura.

“Più si rifiuta di parlare con me o respinge i miei sentimenti, più mi arrabbio e più lo colpisco” dice Paola. “Sarei disposta a fare qualunque cosa pur di ottenere una risposta da lui.” Il suo compagno Giorgio riprese, “E più sento quel tono arrabbiato nella sua voce, più sento solo che non posso mai compiacerla. Mi sento solo senza speranza e più silenzioso.”

È questa spirale che è il nemico, non l’altro partner, sebbene nessuno dei due lo riconosca.

Paola sta protestando contro la distanza di Giorgio. Giorgio sta tentando freneticamente di evitare la sua disapprovazione. Parlano in questo modo perché sentono una risposta allarmante alla domanda di attaccamento, “Sei lì per me?”.

Nella Protesta Polka, ogni persona, nel tentativo di affrontare il suo senso di disconnessione emotiva conferma involontariamente le peggiori paure dell’altro e mantiene questa spirale nella stessa direzione.

Alla fine, l’esigente partner inizia a rinunciare alla lotta per la connessione, ad affrontare la relazione e ad allontanarsi, questo porta all’ultimo passaggio: nel tentativo di affrontare il loro senso di disconnessione emotiva conferma involontariamente le peggiori paure dell’altro e mantiene questa spirale in corso.

Alla fine, l’esigente partner di protesta inizia a rinunciare alla lotta per la connessione, ad affrontare la relazione e ad allontanarsi. Questo porta all’ultima danza di tutte. nel tentativo di affrontare il loro senso di disconnessione emotiva conferma involontariamente le peggiori paure dell’altro e mantiene questa spirale in corso.

Immobilizzati e fuggi

Cosa c’è che non va tra di noi? Tre dialoghi “demone” per il rapporto di coppiaIn questa dinamica entrambi i partner si sentono impotenti. Nessuno sta raggiungendo nessuno qui. Nessuno sta correndo rischi. Tutti sono scappati.

In altre relazioni questo potrebbe andar bene per un po’, ma con le persone che amiamo, questa danza “senza risposta” è straziante.

In effetti, qui i partner non stanno affatto ballando, sono seduti fuori. Non siamo predisposti per tollerare questo tipo di isolamento. Se non cambia nulla, la relazione è in caduta libera.

Quando la gente catturata dal vortice di queste dinamiche si rivolge a me e chiede: “C’è qualche speranza per noi?” Dico loro: “Certo che c’è.

Quando capiamo qual‘è la dinamica disfunzionale, quali sono i nostri bisogni affettivi e le nostre paure, possiamo aiutarci l’un l’altro ad uscire da questi dialoghi negativi e avviare conversazioni amorevoli positive che ci portano l’uno nelle braccia dell’altro e ci fanno sentire sicuri.

Fonte: Johnson, S.M. (2013). Love Sense: The revolutionary new science of romantic relationships. New York, NY: Little Brown.

Tag: