Trasformare la critica in desiderio

 Elena alza la voce mentre dice: “Come fai a non vederla a modo mio? È la verità e tu lo sai! ma sei troppo testardo per ammetterlo! “

Giorgio risponde: “Questo è quello che succede a tutti. Come fai a non vederlo? Ho ragione, ti sbagli. Ammettilo! “

Io intervengo dicendo “fermiamoci un attimo … sembra che ci stiamo perdendo ….”

Entrambi mi guardano mentre Elena dice: “Bene … Chi ha ragione? Io o lui?”

“Entrambi . Lasciatemi spiegare.”

La discussione di Elena e Giorgio dimostra uno dei problemi più comuni durante il conflitto: spesso i partner si vedono come nemici piuttosto che come alleati in una battaglia contro l’incomprensione. Questo è il motivo per cui i partner usano si incolpano a vicenda per i loro problemi di relazione, che è distruttivo per il loro legame emotivo e porta ad ulteriori disconnessioni e battaglie.

Per cambiare le cose durante la tua prossima discussione, prova ad assumere un atteggiamento tollerante e ad accettare che ogni situazione può determinare due prospettive diverse ma valide che meritano la stessa importanza.

Per aiutarti a farlo, voglio condividere tre cambiamenti di prospettiva che hanno fatto meraviglie per le coppie.

Questi tre cambiamenti di prospettiva ci ricordano anche che c’è sempre qualcosa che vale la pena imparare dal punto di vista del tuo partner. Ottenendo una nuova prospettiva su ciò che sta accadendo, il conflitto smette di funzionare come una barriera alla connessione e diventa un ponte per comprendersi meglio.

Il conflitto è nello spazio tra i partner

Lo spostamento di prospettiva di cui parlo con le coppie riguarda passare dal considerare il problema come la colpa dell’altro per identificare il problema abitare lo spazio tra loro. Quando le coppie combattono, mi piace usare la metafora che descrive i partner sono come isole separate e circondate da acqua torbida che li separa.

Invece di cercare di ”aggiustarsi a vicenda”, i partner dovrebbero concentrarsi sulla pulizia di quell’acqua torbida. Dopo che l’acqua è stata ripulita, entrambi i partner possono immergersi sotto la superficie di ciò che sembra e andare avanti per scoprire cosa sta realmente accadendo.

L’isola è un’immagine metaforica utile perché illustra in modo figurato che dobbiamo viaggiare verso l’isola dei nostri partner per vedere la loro prospettiva del mondo. In genere quando siamo in conflitto, rimaniamo bloccati sulla nostra isola e iniziamo a lanciare “proiettili” verbali all’isola del partner. Ma se nuotiamo e vediamo il problema dal loro punto di vista, aumentiamo le possibilità di spostare la nostra prospettiva in “Oh, posso capire come la vedi in questo modo. Questo ha senso per me. “

Una volta che accetti l’idea che in ogni disaccordo ci sono sempre due punti di vista validi, non è più necessario discutere per la propria posizione. Invece, puoi entrare in empatia con i sentimenti del tuo partner e capire veramente la sua “isola”. Questo non significa che devi essere d’accordo, ma è fondamentale che tu capisca da dove provengono. Quando fai questo e il tuo partner fa questo per te, diventa molto più facile trovare una soluzione che funzioni per entrambi.

Trovare l’elefante nella stanza

C’è una storia di sei ciechi che volevano capire cos’è un elefante toccandolo:

Quando il primo uomo toccò la gamba, disse: “Ehi, l’elefante è un pilastro”. 
Il secondo uomo disse: “No, è come una corda” quando toccò la coda. 
Il terzo disse: “No, è come un grosso ramo di un albero”, mentre toccava il tronco dell’elefante. 
Il quarto uomo disse: “È come un grande mano”, mentre toccava l’orecchio. 
Il quinto uomo disse: “No, è un muro enorme”, mentre toccava il ventre dell’elefante. 
Il sesto uomo disse: “È una pipa solida”, mentre toccava la zanna dell’elefante.

Gli uomini iniziarono a discutere sull’elefante e ognuno insistette che aveva ragione. Il punto è che praticamente in ogni combattimento c’è un elefante invisibile nella stanza, e la verità su quell’elefante si trova da qualche parte nel mezzo di entrambe le prospettive. Anche il grigiore dell’elefante implica metaforicamente che non esiste una singola visione dei “fatti”. Spesso i problemi non sono neri o bianchi.

La morale della storia è riconoscere che la prospettiva del tuo partner è valida come la tua. Non devi essere d’accordo, ma, per superare un incidente spiacevole, devi mostrare rispetto per la sua opinioni.

Con una coppia che non era disposta a capire la prospettiva dell’altro, ho raccontato la storia dell’elefante. Più tardi quella sera, il marito cominciò a comportarsi come un mimo che annusava l’aria. La moglie lo guardò e disse: “Cosa c’è?” e lui: “Sto cercando di trovare l’elefante nella stanza. Puoi dirmi cosa stai vedendo in modo che possiamo capire cos’è questo elefante?”

Ridacchiarono e iniziarono a parlare di quale aspetto avesse quel particolare elefante e perché fosse goffamente in piedi nella stanza della loro relazione.

Controlla la tua maglia

Il terzo cambiamento di prospettiva che mi piace utilizzare con alle coppie è quello che viene chiamato “controlla la tua maglia”.  Spesso durante il conflitto, ci sentiamo come se fossimo in squadre diverse, cercando di guadagnare punti l’uno contro l’altro. Quando ciò accade, entrambi i partner perdono. L’obiettivo di una discussione sul conflitto è trovare la migliore soluzione vincente per entrambi i partner. A volte questo richiede un compromesso, in ogni caso entrambi i partner hanno bisogno di sentirsi capiti.

È utile immaginare che sotto i vestiti di ciascun partner ci sia una maglia dello stesso colore. 

A volte lo dimentichiamo e passiamo la palla alla squadra sbagliata, ma se controlliamo la nostra maglia possiamo ricordare a noi stessi di far parte della stessa squadra, lavorare insieme e fare punti contro la squadra dell’incomprensione.

Se hai difficoltà a rispettare la prospettiva del tuo partner, potrebbe essere perché vedi il tuo partner nell’altra squadra. Questo è comune spesso evidenziamo le nostre qualità positive e etichettiamo il nostro partner con quelle negative. Questo è ciò che Fritz Heider chiama l’Errore di attribuzione fondamentale. È come dire, “Sto bene; sei difettoso. “

Questa visione competitiva ostacola la risoluzione dei conflitti di relazione. In definitiva si tratta di percepire le qualità nel tuo partner che percepisci in te stesso (che è solo un altro modo di essere nella stessa squadra). Come diceva Elena, “Sì, è egoista in questo momento, ma lo sono anch’io. Forse ognuno di noi deve essere un po ‘egoista per poter far funzionare la nostra relazione.”

Pertanto possiamo concludere che:

a) identificare il conflitto che è nello spazio tra i partner;

b) trovare ” l’elefante” nella stanza;

c) controlla se tu e il tuo partner avete la maglia della stessa squadra;

ci consente di sintonizzarci con i nostri partner. Uno degli elementi vitali nella discussione è di non tentare di persuadere, risolvere problemi fino a quando entrambi i partner non possono dichiararsi reciprocamente la propria prospettiva.

Quarant’ anni di ricerca scientifica condotti dal dott. John Gottman su migliaia di coppie, ha dimostrato che la risoluzione dei problemi prima che i partner si sentano capiti, è controproducente.